Background

BLOG PIXELZ

Scopri le migliori tecniche di fotografia, di post-produzione e di immagini di prodotti per l'E-Commerce.

Selezione Dei Corretti Valori ISO Per Fotografie di Prodotto


Main Image

Se vuoi davvero delle perfette immagini – con luce pulita e nitida da colpire i nostri clienti per la bellezza dei prodotti. Per ottenere questo, sará necessario configurare le impostazioni base della fotocamera digitale, compreso l’ argomento del post di oggi: l’ ISO.

Che cos’é l’ ISO?

ISO, sigla che sta per “International Standards Organization” rappresenta la sensibilità della fotocamera alla luce. Nella fotografia con pellicola, l’ ISO viene indicato come “film veloce”. Probabilmente avete visto questi numeri sui rullini a pellicola del passato: 200, 400, 800, ecc. Questi numeri rappresentano diverse impostazioni ISO, più basso è il numero, meno sensibile la pellicola sarà alla luce; più alto è il numero, maggiore sensibilità della pellicola alla luce.

Tuttavia, considerando che la maggior parte delle produzioni cinematografiche di oggi, fanno riferimento al sistema digitale, in questo articolo faremo riferimento all’ utilizzo della fotocamera digitale.

Nella fotografia digitale, l’ impostazione ISO controlla la sensibilità alla luce del sensore di immagine della fotocamera. In genere, i fotografi utilizzano impostazioni ISO tra 100-1600, anche se recentemente, le fotocamere digitali di qualità superiore, hanno impostazioni che vanno da ISO 50 e alte circa 200.000 s. Ancora una volta, i principi sono gli stessi della fotografia a pellicola, piú basso è il valore ISO, minore è la luce che la fotocamera sarà in grado di raccogliere; maggiore è il numero ISO, più luce la fotocamera catturerá.

ISO 200 f13 1_4

ISO 200 f13 1_4

ISO 2000 f13 1_50

ISO 2000 f13 1_50

Se si scatta con Modalità Manuale (M), avrete bisogno di controllare l’ ISO manualmente, ma se si scattano fotografie in Modalità di Priorità (P), l’ ISO oscillerá dal valore piú basso al più alto automaticamente, secondo le impostazioni della modalità di priorità, gli oggetti , la luce disponibile, le fonti luminose e l’ aspetto desiderato. Se vuoi saperne di piú sulla configurazione manuale della fotocamera, leggi il nostro blog "Come Approfittare al Massimo delle Impostazioni della Fotocamera".

Sia con modalità manuale o con priorità, quando l’ ISO è modificato, anche la velocità dell’ otturatore e / o F-stop dovrá essere cambiata per una corretta esposizione. Quando si imposta un ISO maggiore, sará necessaria la metá del valore precedente sulla quantità di luce necessaria per ottenere la stessa esposizione.

Esempio: Stai scattando in modalità prioritaria per F-stop perché si vuole il pieno controllo sulla profondità del campo. L’ impostazione originale è 1/250 F8 @ 200 ISO. Se si modificasse l’ ISO a 400, bisognerebbe cambiare la velocità dell’ otturatore a 1/500 in modo che F-stop potrebbe rimanere a F8. Allo stesso modo, se hai cambiato l’ ISO a 800, è necessario modificare la velocità dell’ otturatore a 1/1000. Se la velocità dell’ otturatore non cambia con l’ ISO, le immagini potrebbero non essere correttamente esposte, come illustrato di seguito.

ISO 200 f11 1_6

ISO 200 f11 1_6

ISO 400 f11 1_8

ISO 400 f11 1_8

ISO 800 f11 1_15

ISO 800 f11 1_15

Ci sono due fattori principali da considerare quando si decide di cambiare le impostazioni ISO per fotografie di prodotto:

  1. Quantitá di luce disponibile nel’ area in cui si scattano le foto e
  2. Se non si avessero delle apparecchiature di stabilizzazione d’ immagine, premunirsi di un treppiede.

1. Luce disponibile

La Luce disponibile è la quantità di luce presente nella zona che abbiamo selezionato per le foto. Se si scattano immagini all’ aperto, in uno studio ben illuminato o in una stanza con grandi finestre, probabilmente avrete molta luce a disposizione per lavorare, per cui la fotocamera non ha davvero bisogno di ulteriore aiuto di raccolta della luce e può rimanere con un ISO tra 100 e 400. Tuttavia, se si stanno scattando foto in un ambiente piú scuro, la fotocamera avrà bisogno di luce supplementare tramite un’ impostazione ISO più alta e superiore a 400 per raccogliere abbastanza luce per una corretta esposizione.

Nota: l’ utilizzo del flash della fotocamera incorporata o di un flash esterno è un mezzo per ottenere più luce e mantenere l’ impostazione dell’ ISO bassa. Tuttavia, la luce naturale del sole o di un softbox nello studio, sará meglio, in modo da utilizzare queste fonti di luce quando veramente occorrono.

ISO 400 f4.5 1_8 Available light low ISO

ISO 400 f4.5 1_8 Luce Disponibile con un basso valore di ISO

ISO 400 f4.5 1_80 Added light

ISO 400 f4.5 1_80 Aggiunta di Luce

ISO 2000 f4.5 1_80 Available light high ISO

ISO 2000 f4.5 1_80 Luce Disponibile con un alto valore di ISO

2. Stabilizzazione dell’ Immagine

Fotografi di immagini di prodotto di solito non si preoccupano se i loro soggetti si muovono mentre cercano di ottenere un’ immagine precisa. Tuttavia, treppiedi o altre maniere per bloccare l’ immagine, come posizionare la fotocamera su una scrivania o su qualche altra superficie dura, devono essere effettuate per ridurre al minimo le vibrazioni della fotocamera, soprattutto se con scarsa illuminazione o con bassi valori.

Nota: Le vibrazioni della fotocamera si possono sentire anche quando questa é fissata a un treppiede, premendo manualmente il pulsante di scatto. Per ridurre al minimo le vibrazioni della fotocamera, si consiglia l’acquisto di un robusto treppiede e utilizzando un cavo di scatto o remoto, o utilizzando la modalità autoscatto della fotocamera.

La luce disponibile e la stabilizzazione delle immagini sono due fattori molto importanti da considerare, in primo luogo perché le migliori foto di prodotto vengono catturate con il piú basso valore ISO possibile. Questo perché aumentando l’ ISO si produce piú “rumore”.

Rumore

Usando un’ impostazione ISO più alta, significa perdere la qualità dell’ immagine, creando “rumore” e altri effetti come la distorsione cromatica (scolorimento). “Il Rumore” sono i pixels dell’ immagine che la potrebbe far apparire distorta, scolorita e “granulosa”. Tutte le immagini sono costituite da pixels, quindi il rumore è prevedibile, ma le immagini eccessivamente pixelate perdono una grande quantità di nitidezza e chiarezza. I pixels ingrandiscono i toni della foto e i “blocchi” di colore dove si dovrebbero vedere i dettagli, tra le altre cose.

Cattura dell’ Immagine: Le immagini di questo calice di vetro sono state scattate con luce naturale ad ISO variabile. Il rumore ad ISO 1000 e 1600 ha drasticamente abbassato la qualità delle immagini, mentre l’immagine scattata con ISO 400 è molto migliore.

Cattura dell’ Immagine: Le immagini di questo calice di vetro sono state scattate con luce naturale ad ISO variabile. Il rumore ad ISO 1000 e 1600 ha drasticamente abbassato la qualità delle immagini, mentre l’immagine scattata con ISO 400 è molto migliore.

Cattura dell’ immagine: Questo secondo esempio mostra molta distorsione cromatica (decolorazione) a causa del rumore.

Cattura dell’ immagine: Questo secondo esempio mostra molta distorsione cromatica (decolorazione) a causa del rumore.

Sulla base di questi esempi sulle immagini, è chiaro che scattare con un ISO basso (max 200) si avranno delle immagini di prodotto senza rumore in eccesso e si potrá ridurre il tempo necessario per l’ editing. Il rumore è anche abbastanza difficile da risolvere, anche con i migliori programmi di software. Non è impossibile, ma si dovranno fare molte correzioni per trovare il rumore adeguato, e ció potrebbe seriamente ostacolare l’efficienza del flusso del lavoro.

f8 1/500 Con sensore stroboscopico

f8 1/500 Con sensore stroboscopico

Le qualità ottenuta con un’ ISO basso sono: una vasta gamma di colori con una buona saturazione, un’immagine nitida e chiara e con un buon contrasto. Con un’ ISO più basso, la fotocamera è in grado di catturare più informazioni sull’immagine, ottenendo piú somiglianza con il prodotto originale.

Utilizzando un’ ISO di 100-125 significa che avrai bisogno di una grande fonte di luce. Tieni presente che occorre un F-stop tra F11 e F16 per una maggiore profondità di campo ed una migliore messa a fuoco.

Un ambiente ideale per un’ immagine di prodotto correttamente esposto con una luce stabile in studio, è con ISO 200 con una velocità dell’otturatore di 1/125 a F16, è possibile utilizzare un flash esterno, ma si deve considerare che occorrerá regolare le impostazioni a 1/250 a causa delle restrizioni della comunicazione sincronica della fotocamera.

Non superare i 1/250 dato che potrebbe creare una “linea di sensore” sopra la vostra immagine. Ti consigliamo di utilizzare in studio una luce stabile, ma se scegliete questa opzione, siate consapevoli di aver alzato abbastanza le impostazioni ISO e ció potrebbe compromettere la qualità.

Seguendo le istruzioni della fotocamera basandovi sulla marca specifica che avete e sulle lenti, troverete l’ equilibrio e diventerete sempre piú esperti nei vari passaggi, riuscirete ad ottimizzare al massimo il vostro tempo e la vostra immaginazione.